L’immaginazione attiva con i Tarocchi

Immaginazione attiva con i Tarocchi

Voglio proporvi un semplice esercizio: riguarda l’immaginazione attiva con i Tarocchi. L’immaginazione attiva con i Tarocchi è una pratica volta a stabilire un contatto profondo e creativo con gli Arcani Maggiori.

L’immaginazione attiva è un metodo sviluppato da Carl Gustav Jung per relazionarsi con il proprio inconscio. E’ un metodo semplice e altrettanto sorprendente che può essere così sintetizzato:

1) Chiudere gli occhi e cercare di conseguire uno stato di rilassatezza.

2) Prestare attenzione alle immagini che inizieranno spontaneamente a prodursi “dentro i nostri occhi”.

3) Osservare come queste immagini si sviluppano e si modificano. Cercando però – ed è questa la peculiarità del metodo – di essere sempre presenti. Osservando cioè con attenzione ciò che si manifesta spontaneamente.

Esercizio pratico di immaginazione attiva con i Tarocchi

Vorrei ora proporre un piccolo esercizio, che si basa sulla tecnica dell’immaginazione attiva applicata ai Tarocchi.

Prendete una Lama dei Tarocchi, una qualsiasi. Può essere anche quella che vi “ispira” di più o quella che vi ispira di meno. Prendiamo per esempio il Carro.

Il Carro dei Tarocchi
Il Carro dei Tarocchi

Osservate per qualche minuto questo Arcano, osservando la disposizione delle figure, i colori, i più piccoli dettagli.

Ora chiudete gli occhi, e cercate di ricostruire l’immagine del Carro “dentro gli occhi”, ma secondo l’approccio dell’immaginazione attiva spiegato in precedenza. Cercando quindi di seguire con attenzione ciò che l’inconscio rappresenta spontaneamente.

Concentrate ora l’interesse su qualche particolare del “vostro” Carro. Come vi appare lo sguardo del cavaliere? E’ triste? E’ fiero? Spostatevi in basso e osservate gli animali che trainano il Carro: vedete due cavalli? O vedete qualche altra strana creatura? Com’è il tetto del Carro immaginato? Che forma ha? Appare solido oppure fragile?

Annotatevi su un taccuino tutti questi particolari, o magari disegnateli! Otterrete così una sorta di “istantanea” del vostro inconscio. Ad esempio, lo sguardo triste del cavaliere può indicare una mancanza di entusiasmo nel condurre la vostra vita. E se al posto dei cavalli vi sembra di vedere due grossi insetti o due serpenti, vivete come “scollegati” dalle vostre energie istintive.

Come utilizzare il Carro dei Tarocchi

Dopo aver preso consapevolezza di questi elementi il passo successivo è quello di interagire con il prodotto del vostro inconscio. Richiudete gli occhi e cercate di lavorare con l’immaginazione sul vostro Carro, aggiungendo elementi e caratteristiche per potenziarlo e fortificarlo. Rendendolo più adeguato alle vostre necessità e alla vostra natura. Immaginate di nutrire le creature che lo trainano, di farle evolvere, di addestrarle.

Se questo gioco vi è piaciuto…vi sono altri 21 Arcani Maggiori con cui ripetere l’esperimento! Scoprirete come l’immaginazione attiva con i Tarocchi metterà in luce vari aspetti del vostro profondo con cui dialogare.

E’ questa la bellezza dell’insegnamento junghiano: pescare la materia prima negli abissi dell’inconscio e riportarla alla luce, affinandola e integrandola nella propria vita coscientemente.

Buona immaginazione attiva! 🙂

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.