Sognare di cadere o sognare di precipitare

Sognare di precipitare

Sognare di cadere si presta ad una duplice interpretazione.

In negativo, sognare di precipitare corrisponde all’idea del “terreno che viene a mancare sotto i nostri piedi”. Rappresentando quindi lo sgretolamento delle nostre certezze, il timore che tutto ciò che siamo e che possediamo possa crollare e sfracellarsi al suolo.

In positivo, questo sogno ricorrente ci sprona ad essere sempre disposti a sacrificare tutto ciò che siamo e che abbiamo. Nel momento in cui accettiamo di perderci nel vuoto ci si presenta l’opportunità per rinascere. Per ricostruirci una nuova vita senza il fardello del nostro passato e senza bisogno di qualsivoglia “appiglio”.

Nei sogni è spesso presente una dinamica “alto vs. basso”. Nei sogni in cui ci muoviamo verso l’alto (es: su una scala o su un’ascensore) l’idea è quella di un’evoluzione spirituale, la necessità di aspirare a vette più elevate (vedi l’Arcano XX del Giudizio). Per contro, allude all’essere troppo distaccati, “con la testa per aria”.

Cadere in basso

Il sogno di cadere e di precipitare implica invece una dinamica verso il basso, dove si trovano idealmente le nostre componenti psichiche più “grezze”. La parte di noi più animalesca e primitiva. Andare verso il basso segnala la necessità di riappropriarci di queste forze più selvagge e apparentemente disgustose. E’ in basso vivono insetti e serpenti! Ma è sempre salutare “sporcarci le mani” e riprendere contatto con la terra.

Sognare di cadere e la Torre dei Tarocchi

L’Arcano XVI, la “Maison Dieu“, illustra egregiamente il tema onirico della caduta, del precipitare, del rovinare a terra. In termini psichici, la “Casa-Dio” corrisponde alla nostra maschera, al nostro involucro corporeo, all’esteriorità. Dalla Torre fuoriescono due personaggi. La distruzione della Torre corrisponde all’accettazione che in noi coesistono due elementi: maschile e femminile. In altre parole: coscienza e inconscio.

La Torre dei Tarocchi e sognare di cadere
La Torre e la caduta

Questo Arcano, abbinato al sogno ricorrente di cadere, ci insegna che è necessario sgretolare sempre le nostre maschere, accettare di distruggere tutte le torri che ci ingabbiano per liberare la nostra vera essenza, la totalità del nostro Sé, frutto dell’interrelazione tra coscienza e inconscio.

Questa liberazione avviene sempre “scavando verso il basso”. E’ in basso che possiamo trovare la nostra “pietra filosofale“, come suggerito dal detto ermetico “Visita Interiora Terrae Rectificando Invenies Occultum Lapidem“.

Clicca qui per approfondire il metodo OniroTarologia.

Massimiliano Colosimo

Rispondi