De Chirico, arte e Ombra junghiana

Un contributo di Paola Canossa per OniroTarologia

Sono lieto di ospitare nel mio blog di OniroTarologia un contributo di Paola Canossa: è un articolo ispirato da un aforisma di Giorgio De Chirico, dove si parla dell’unicità del nostro essere come opera d’arte e del ruolo dell’Ombra junghiana.

Ho avuto la fortuna di conoscere Paola Canossa tramite Instagram; Paola si definisce “un’ascoltatrice emozionale”. Aiuta le persone a ritrovare il proprio valore risolvendo insieme a loro nodi, dubbi e insicurezze personali per far sì che, alla fine, ritrovino fiducia in se stesse.

Nel suo approccio, Paola mette a disposizione la sua capacità di ascolto, il suo percorso astrologico e l’utilizzo di vari tipi di carte come Fluire (carte intuitive da lei create), gli Oracoli e i Tarocchi, come i Marsigliesi e gli Angelici.

Vi invito ad esplorare il sito di Paola (cliccando qui) e a registrarvi alla sua Newsletter: è uno strumento prezioso con cui Paola vi offre consigli pratici per la crescita personale e l’auto-consapevolezza.

E ora, cara Paola, a te la parola!

Per divenire realmente immortale

Per divenire realmente immortale, un’opera d’arte deve andare oltre ogni limite umano: la logica e il buon senso saranno solo un intralcio; ma una volta rotte queste barriere, si potrà entrare nel regno delle visioni e dei sogni d’infanzia.” (Giorgio De Chirico)

Un contributo di Paola Canossa per OniroTarologia: De Chirico, arte e Ombra junghiana

Ognuno di noi è un’opera d’arte a sé stante, con il proprio DNA fisico, con il proprio colore di occhi e capelli, i propri pregi, difetti e con il proprio lato ombra, l’Arcano XV, Il Diavolo, il quale, permette di immergerci nella parte interiore più profonda: all’occorrenza, lo si cerca, lo si chiama, lo si invita a giocare provando a sfidarlo e affrontarlo anche con un certo timore.

Ognuno è un’opera d’arte e ognuno conosce il proprio lato ombra, con il quale si accarezza la sensazione di libertà d’azione oscura d’ogni genere, fino a divenirne una dipendente necessità. Ma dopo svariati compromessi, probabilmente vorrà essere accompagnato verso la luce e per arrivare a questo traguardo, il lavoro è assai arduo, in quanto il lato oscuro è libero, non accetta imposizioni e, come un Matto, non si sottopone all’addestramento per trovare la forza di volontà; perché a lui non interessano la regola, l’ordine o l’ubbidienza, ma prima o poi questi “ostacoli” saranno abbattuti con il giusto metro di misura. Occorre solo tempo.

Tempo. Grazie al passaggio dell’Arcano XVI, la Torre, il lato ombra ha accettato il compromesso e decide di incontrare la luce: tutto esploderà in un turbinio di energie oscure che dissolvendosi, lasceranno spazio al nuovo come linfa vitale e spirituale; con la Stella, inizia una pura consapevolezza divina, nuda come la verità, libera da quella maschera e catene che la tenevano totalmente bloccata: ora lei è pronta a seminare nuova vita nella terra, dando così il senso di equilibrio interiore, di speranza e di integrazione con l’Universo. E tutto è un divenire immortale.

Paola Canossa

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito utilizza cookies indispensabili per il suo funzionamento e, con il tuo consenso, anche per altre finalità come specificato nella Cookie Policy. Cliccando Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookies.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy