Sognare topi e simbologia del topo

Significato di sognare topi

Vi è mai capitato di sognare topi? Piccoli esseri voraci e disgustosi che brulicano nella nostra stanza? Oppure un topo beffardo e arrogante che ci osserva con aria di sfida, mentre si intrufola nel suo piccolo rifugio mentre cerchiamo di stanarlo?

Sognare topi ha una simbologia molto simile a quella di sognare insetti. In entrambe le categorie abbiamo a che fare con piccole creature che suscitano nausea, repulsione, disgusto. Ed in entrambi i casi si tratta di creature che tipicamente abitano sulla terra, o sotto terra (si tratta di creature “ctonie”). Nonostante ciò, sognare topi ha una sua precisa simbologia, che affronteremo nel seguito di questo articolo.

Molto diverso è invece il simbolismo legato al sognare serpenti: per chi volesse approfondire il significato di sogni con serpenti rimando a questo articolo.

Quanti topi sogniamo?

Per prima cosa, concentriamoci sulla numerosità dei topi sognati. Il numero degli oggetti sognati, che si tratti di mele, insetti o topi, è infatti sintomatica del livello di integrazione, o piuttosto di disintegrazione, di una nostra particolare sfera o funzione psichica. Un numero elevato di oggetti sognati è indice di disgregazione, di indifferenziazione, di mancanza di un punto di vista unitario.

Ricordo che da piccolo, quando avevo la febbre alta, sognavo un gran numero di insetti. Jung avverte che questo fenomeno può segnalare anche un disturbo a livello fisiologico. E’ un simbolo della materia che si disgrega, che si disfa, che perde di unitarietà. Ma in termini più generali l’aspetto psicologico della questione è che una parte di noi è appunto “indifferenziata”, non ha cioè raggiunto un livello sufficiente di differenziazione. Non esiste in noi un punto di vista personale e differenziato.

Un altro esempio, per meglio comprendere questo fenomeno, è quando sogniamo una massa indistinta di persone. Sognare un gran numero di persone esprime l’idea di una nostra incapacità nel far emergere un nostro punto di vista identitario. Il nostro giudizio, o il nostro pensiero, si fonde con il sentire o il pensare comune, senza che emerga da parte nostra una presa di posizione distinta dalla massa.

Sognare topi e la molteplicità degli oggetti nei Tarocchi

Nella pratica della OniroTarologia gli elementi del sogno vengono ricondotti alla simbologia dei Tarocchi.

Nei Tarocchi ritroviamo diversi Arcani Maggiori dove vengono raffigurati numerosi oggetti di piccola entità. Ad esempio gli strumenti disposti in modo caotico sul tavolo del Bagatto. O i numerosi dischetti rotondi che sembrano fuoriuscire dalla Torre della Maison Dieu. Rappresentano in termini simbolici una parte di noi che vive senza controllo, in uno stato di caos e di disgregazione.

E’ una parte di noi che sfugge al controllo della coscienza e gode di autonomia propria, tornando a manifestarsi nei sogni sottoforma di una pluralità indistinta di oggetti. Ritroviamo numerosi oggetti anche nelle Stelle, nella Luna, nel Sole e nel Giudizio (come “gocce” o “fiammelle”). Ma a differenza dei “dischetti” della Torre, in questi casi la molteplicità degli oggetti sembra disporsi e organizzarsi attorno ad un nucleo centrale ordinatore: la Stella sopra la testa della donna dell’Arcano XVII, la luna, il sole e l’angelo del Giudizio. Queste entità monadiche rappresentano il Sé, come centro della nostra totalità psichica che riconcilia gli opposti.

Ma cosa c’entra questo preambolo con il sognare topi? L’idea è che se i topi sognati sono molti siamo in presenza di una parte della nostra psiche che è disgregata. Qui subentra un altro quesito: quale parte di noi è disgregata? La risposta è: una parte di noi che il sogno rappresenta sottoforma di topi. Ed ecco che iniziamo finalmente ad approcciarci al simbolo del topo.

Significato di sognare tanti topi

Gli animali nei sogni corrispondono a quella parte di noi, che abita nell’inconscio, dotata di caratteristiche animalesche. Una parte quindi poco evoluta, non adattata, che vive in forma “indifferenziata” e primitiva. E’ uno dei tanti aspetti dell’Ombra, per dirla con Jung. In linea di principio dovremmo chiederci (o chiedere al sognatore): quali sono le caratteristiche elementari dei topi? Come li descriveresti ad un alieno, o ad un bambino? Se voi stessi, o il sognatore, siete in grado di fornire una qualche forma di descrizione anche abbozzata dei topi, abbiamo già alcuni possibili spunti interpretativi, provando a riconoscere in noi quelle stesse caratteristiche che il nostro inconscio, il “regista” del sogno, ha fatto interpretare ai topi.

Facciamo qualche esempio.

Qualcuno potrebbe descrivere il topo come un animale vorace. Chiediamoci allora: quale parte di noi ha queste caratteristiche inconsce di voracità?

E se descrivessimo il topo come un animale in grado di sopravvivere alle più grandi catastrofi della terra? L’insegnamento potrebbe essere che nel nostro inconscio vive un’insospettata energia vitale che saprà risollevarci e farci rialzare in piedi, trovando nutrimento anche tra le macerie di una città devastata. A maggior ragione se, ad esempio, avessimo fatto questo sogno in un periodo di drastici cambiamenti nella nostra vita.

Se invece l’aspetto descrittivo del topo fosse per noi collegato a qualcosa di sgradito che si intrufola in casa nostra per rubarci del cibo, potremmo investigare quali energie inconsce ci sottraggono energie. O in che modo noi ci comportiamo da “topi” nel rubare, metaforicamente parlando, cibo negli appartamenti altrui.

Sognare topi come metafora

Un’altra tecnica efficace è provare a cambiare prospettiva. Cioè ripensare al sogno ma dal punto di vista di uno dei topi sognati. Quel topo è infatti una parte di voi, o in altro modo, per quanto può risultare sgradevole, dovete riconoscere che una parte di voi vive e si comporta da topo!

Come vi sentite nei panni di quel topo? Siete costretti a vivere di stenti e di rimedi, scacciati e segregati in cantina da qualche nemico implacabile?

Un po’ come nel fumetto “Maus” di Art Spiegelman, dove gli Ebrei venivano raffigurati come topi. La stessa idea espressa dal feroce nazista “cacciatore di topi” Hans Landa nel film di Tarantino “Bastardi senza gloria”. Chi è il vostro carnefice? Quale parte di voi vi sta segregando e costringendo ad una vita così miserevole?

Come vedete, la risposta sul simbolo del topo, così come su tutto quanto noi sogniamo, non è perciò mai univoca. Bisogna considerare sempre il contesto del sognatore, le sue associazioni personali rispetto all’oggetto sognato, il periodo che sta attraversando e così via.

Potrebbe anche accadere che il significato del sogno e la sua metafora vada ricercata all’esterno del sognatore. Ad esempio puntando il dito su persone conosciute nella vita reale con caratteristiche “topesche”. Il sogno potrebbe cioè significare: fai attenzione, il tuo collega di lavoro si approfitta di te, ti sta sottraendo una tua ricchezza, si è intrufolato nel tuo spazio e ti sta rubando qualcosa!

Ricordiamolo: maggiore è il numero dei topi sognati, più grande è la nostra incapacità di mantenere sotto controllo una nostra particolare componente psichica e quindi l’allarme lanciato dall’inconscio è più cogente. E ricordiamo anche che non necessariamente i topi hanno caratteristiche negative. Oltre alla capacità di sopravvivere in situazioni ostili, i topi sono veloci, molto prudenti e meticolosi.

Il simbolo del topo nei Tarocchi

In che modo nei Tarocchi possiamo ritrovare il simbolo del topo, nelle sue principali accezioni? Vi sono in particolare due Arcani Maggiori che risuonano con la simbologia del sognare topi.

L’aspetto sotterraneo, “ctonio” dei topi appare nel Diavolo. Il topo come entità demoniaca: il nemico, l’oppositore, la parte più sgradita di noi e “ostile” al nostro atteggiamento unilaterale cosciente. Talmente ostile che lavora nelle profondità del nostro essere e assorbe a nostra insaputa quella parte di energia psichica che ci rifiutiamo di donare volontariamente come (giusto) nutrimento per le radici del nostro essere.

Sognare topi e simboli dei Tarocchi
Il Diavolo dei Tarocchi

Il Diavolo – come divinità sotterranea associata alla materia – reclama la sua parte! Gli esseri incatenati alla base del Diavolo ricordano anche l’idea del topo come creatura reclusa e segregata in cantina, costretta a cibarsi furtivamente delle briciole che cadono dalla mensa del padrone.

Nell’Arcano senza Nome possiamo immaginare in quella terra nerastra una massa brulicante di topi che scompone e riduce ai minimi termini la nostra “maschera”, le basi del nostro edificio. Sminuzzando incessantemente la nostra Torre/Maison Dieu, per farla risorgere più solida e radicata nella madre terra.

Sognare topi e Tarocchi
L’Arcano senza Nome

Dobbiamo riappropriarci di quella energia vitale che attualmente vive allo stato di topo, per reindirizzare e riordinare quella massa confusa e divorante verso un nuovo progetto di vita più integro e allineato al nostro .

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.